domenica 11 dicembre 2011

Forever ago



Praticamente ero seduta sul pullman, il 17, e una donna sulla trentasettina ha chiesto aiuto ad un ragazzo con gli occhiali per aprire un sacchetto. Mi è piaciuto che lui lo aprisse usando i denti; dentro c'erano dei cioccolatini. Lei gliene ha offerto uno, poi ne offerto uno anche alla signora con cui stava parlando alla fermata, e all'autista. Ed è andata su e giù per tutto il pullman ad offrire gianduiotti, come se fossimo in gita.
Mi si è sciolto il cuore quasi come quando quest'estate la proprietaria del locale si è presentata dandomi due baci e dicendomi "sai di vaniglia".

13 commenti:

  1. Mentirosa!! Sono anni che viaggio sul 17 e di surreale ho assistito solo a strani tizi unti e ingellati senza una meta o una qualsiasi vita abitudinaria.

    RispondiElimina
  2. ...che ti pedinavano.
    Ma non siamo tutti uguali u.u

    RispondiElimina
  3. Perché io invece, quando ancora usavo gli autobus, incontravo solo vecchi che mi proponevano strani incontri sessuali?

    RispondiElimina
  4. Mmm...
    però mi piaceva di più la vecchia skin.
    :)

    RispondiElimina
  5. Gabbiani nel fonendo...

    RispondiElimina
  6. L'imbecille che ride14 dicembre 2011 18:21

    QQUUUAAAARRKKKK!!!!QUUUAAAaARRKKKK!!

    RispondiElimina
  7. @pesa: a me non sono ancora capitati quelli, però U_U

    @Less: è un po' come dire a chi si è appena tagliato i capelli a spazzola che stava meglio con i capelli lunghi u.u

    RispondiElimina
  8. Mammamia che dolcezza!! Allora ancora esistono le persone buone di cuore e gentili..!!

    RispondiElimina
  9. ... ma prima o poi ricrescono(?)

    RispondiElimina
  10. Il mio spacciatore di fiducia mi ha sempre consigliato di non accettare le cose dagli sconosciuti. "Gianduiotto" è una metafora vero?

    RispondiElimina
  11. Alla fine l'ho accettato perchè si è fatta aprire il pacchetto davanti ai miei occhi. E "pacchetto" non è una metafora.

    RispondiElimina